Novartis
Lung Unit
BMS
ForumOncologico

Savolitinib versus Sunitinib nei pazienti con carcinoma papillare a cellule renali guidato da MET: studio SAVOIR


Il carcinoma papillare a cellule renali ( PRCC ) è il tipo più comune di carcinoma a cellule non-chiare che rappresenta il 10-15% delle neoplasie renali.
Poiché un sottoinsieme di casi di PRCC è guidato da MET, l'inibizione di MET può rappresentare un approccio terapeutico mirato appropriato.

In uno studio di fase II a braccio singolo, Savolitinib, un inibitore della tirosin-chinasi di MET altamente selettivo, ha dimostrato attività antitumorale nei pazienti con PRCC guidato da MET ( Choueiri et al. JCO 2017 ).
Lo studio SAVOIR di fase III ha ulteriormente valutato Savolitinib rispetto a Sunitinib ( Sutent ), lo standard di cura, nei pazienti con carcinoma papillare a cellule renali guidato da MET.

In questo studio randomizzato, in aperto ( sponsor in cieco ), i pazienti con carcinoma metastatico a cellule renali di tipo papillare a guida MET ( amplificazione MET e/o HGF, guadagno del cromosoma 7 e/o mutazioni del dominio chinasico di MET ), confermato centralmente, sono stati randomizzati a Savolitinib 600 mg una volta al giorno ( QD ) o a Sunitinib 50 mg QD 4 settimane di terapia / 2 settimane di riposo.

L'obiettivo primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS; RECIST 1.1 mediante revisione centrale indipendente in cieco ).
Gli obiettivi secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), e la sicurezza e la tollerabilità.

Alla data cutoff ( agosto 2019 ), solo 60 dei 180 pazienti previsti erano stati randomizzati ( Savolitinib n = 33; Sunitinib n = 27 ).
La maggior parte aveva un guadagno del cromosoma 7 ( Savolitinib 91%; Sunitinib 96% ) e nessuna precedente terapia ( Savolitinib 85%; Sunitinib 93% ).

La sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva sono risultati numericamente migliorati con Savolitinib rispetto a Sunitinib: PFS 7.0 vs 5.6 mesi; OS NR ( non-raggiunto ) vs 13 mesi; ORR ( tutte risposte parziali ) 27% vs 7%.

Il grado maggiore o uguale a 3 eventi avversi CTCAE è stato riportato nel 42% e 81% dei pazienti; le modifiche della dose erano correlate agli effetti avversi rispettivamente nel 30% e nel 74% dei pazienti con Savolitinib e Sunitinib.

Dopo l'interruzione, il 36% di tutti i pazienti trattati con Savolitinib e il 19% di tutti i pazienti con Sunitinib hanno ricevuto una successiva terapia antitumorale.

In conclusione, sebbene il numero dei pazienti e il follow-up fossero limitati, Savolitinib ha dimostrato una efficacia incoraggiante e un profilo di sicurezza migliore rispetto a Sunitinib, con meno effetti avversi di grado 3 o superiore, e meno modifiche del dosaggio.
Sunitinib ha presentato risposte minori del previsto sulla base delle analisi retrospettive esterne. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoUrologia_2020



Indietro