Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
ForumOncologico

Prevenzione della insufficienza locale dopo cistectomia radicale in pazienti con cancro della vescica: selezione dei candidati alla radioterapia adiuvante


Sono stati valutati l'incidenza e i predittori di insufficienza locale dopo cistectomia radicale dovuta a cancro alla vescica in 1.112 pazienti trattati con cistectomia radicale, tra il 1990 e il 2012, in un unico Centro.

L'insufficienza locale è stata definita come evidenza all’imaging di recidiva nei tessuti molli pelvici o nei linfonodi sotto la biforcazione aortica almeno 3 mesi prima del rilevamento delle metastasi a distanza.

Le analisi dei rischi competitivi hanno testato la relazione tra fattori clinici e patologici e il rischio di sviluppare insufficienza locale.
I pazienti sono stati stratificati in gruppi di rischio in base alle loro caratteristiche e al tasso di insufficienza locale corrispondente.

Complessivamente, 50 pazienti ( 4.5% ) hanno sviluppato insufficienza locale durante un periodo di follow-up medio di 62 mesi.

Lo stadio T patologico ( pT4 vs pT3; hazard ratio, HR=2.55, P=0.003 ), il margine chirurgico dei tessuti molli ( STSM; HR=2.95; P=0.005 ) e l’istologia variante ( HR=1.79, P=0.03 ) sono stati associati a un aumentato rischio di sviluppare insufficienza locale.
La coorte è stata stratificata in 4 gruppi di rischio: molto basso ( malattia uguale o inferiore a pT3a e istologia uroteliale pura ), basso ( malattia uguale o inferiore a pT3a e istologia variante ), intermedio ( malattia pT4 ) e alto ( STSM positivo ).

In conclusione, l'insufficienza locale è un evento importante nei pazienti che hanno subito cistectomia radicale.
È stato sviluppato un nuovo modello di rischio basato sulle caratteristiche del cancro della vescica.
Queste scoperte potrebbero aiutare a identificare i migliori candidati alla radioterapia adiuvante. ( Xagena2017 )

Moschini M et al, Urologic Oncology 2017; 35: 672.e1-672.e6

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro