Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
OncoPneumologia
OncoHub

Pembrolizumab più Enzalutamide nel carcinoma prostatico resistente alla castrazione in fase metastatica


Il trattamento anti-PD1 con Pembrolizumab ( Keytruda ) è una strategia di trattamento promettente in molti tumori solidi.
Sono stati riportati gli esiti clinici dell'aggiunta di Pembrolizumab a uomini con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione, metastatico ( mCRPC ), in progressione durante trattamento con Enzalutamide ( Xtandi ).

Sono stati arruolati un totale di 28 pazienti con tumore mCRPC che non erano in precedenza stati sottoposti a chemioterapia per mCRPC o a ricevere inibitori del checkpoint immunitario.
Pembrolizumab è stato somministrato alla dose di 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per 4 dosi, che potevano essere ripetute per i pazienti con malattia stabile o reattiva, in aggiunta ad Enzalutamide.

L'endpoint primario era la risposta PSA ( antigene prostatico specifico ) ( declino di PSA maggiore o uguale al 50% ).
Gli endpoint secondari erano la risposta obiettiva radiografica ( secondo i criteri RECIST 1.1 ), la sopravvivenza libera da progressione del PSA, il tempo alla successiva terapia e il tempo alla morte per qualsiasi causa.

Le biopsie del tumore al basale sono state eseguite se c'era un deposito metastatico suscettibile di biopsia.

Cinque pazienti su 28 ( 18% ) hanno presentato un declino del PSA maggiore o uguale al 50%. Tre dei 12 pazienti ( 25% ) con malattia misurabile al basale hanno raggiunto una risposta radiologica obiettiva.
Tra i responder, uno è deceduto per una causa non-correlata senza recidiva di PSA dopo 14.2 mesi e uno ha avuto una recidiva dopo 10 mesi e non ha risposto a un secondo ciclo di Pembrolizumab.
Gli altri 3 hanno continuato a mantenere la risposta ( intervallo: 21.9-33.8 mesi ).

Per l'intera coorte, il follow-up mediano è stato pari a 22.7 mesi e il tempo mediano di sopravvivenza libera da progressione di PSA è stato pari a 3.8 mesi ( IC 95%: 2.8-9.9 mesi ).
Il tempo di trattamento successivo è stato di 8.2 mesi ( IC 95%: 5.1-12.8 mesi ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 22.2 mesi ( IC al 95%: 14.7-28.4 mesi ).

La sopravvivenza libera da progressione radiografica mediana è stata di 10.8 mesi ( 5-22 mesi ).

Ci sono stati 8 eventi avversi correlati al sistema immunitario in 7 singoli pazienti ( ipotiroidismo 3, ipertiroidismo 1, miosite 2, colite 2 ).

Diciassette pazienti presentavano, al basale, biopsie di deposito metastatico: 3 responder, 14 non-responder.
Dei 3 responder che presentavano biopsie basali, uno aveva difetti di riparazione del DNA e instabilità dei microsatelliti ( MSI ). Gli altri 2 non avevano né l'uno né l'altro.
Dei non-responder sottoposti a sequenziamento, 4 avevano difetti di riparazione del DNA e nessuno presentava instabilità dei microsatelliti.

Nessuna delle biopsie ha mostrato espressione tumorale di PD-L1 ( Qualtek, 22C3 ).

In conclusione, Pembrolizumab ha mostrato attività nel carcinoma alla prostata resistente alla castrazione metastatico, quando aggiunto a Enzalutamide.
Le risposte erano profonde e durature in un sottogruppo di pazienti. ( Xagena )

Fonte: ASCO Meeting, 2018

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro