Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Mammella
OncoDermatologia

Pembrolizumab per il carcinoma della vescica non-muscolo invasivo ad alto rischio non-responsivo al Bacillo di Calmette-Guérin: studio KEYNOTE-057


L'attivazione del pathway PD-1 è stata implicata nella resistenza alla terapia BCG ( Bacillus Calmette-Guérin ).
Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore del checkpoint immunitario con attività significativa nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico, è stato valutato in questa popolazione.

KEYNOTE-057 è uno studio di fase 2 a braccio singolo sull'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab in pazienti con carcinoma della vescica non-muscolo invasivo ad alto rischio ( HR NMIBC) e tumore NMIBC non-responsivo a BCG.

Sono stati presentati i risultati preliminari per la coorte A ( carcinoma in situ [ CIS ] o CIS più tumore papillare ).

I pazienti eleggibili presentavano tumore NMIBC ad alto grado BCG-non-responsivo, confermato all'esame istologico, incluso carcinoma in situ da solo o combinazione di carcinoma in situ e malattia papillare ( coorte A ).
Questi pazienti erano stati trattati con adeguata terapia BCG ( almeno 5/6 instillazioni di induzione e 2/3 instillazioni di mantenimento ); inoltre, i pazienti non erano in grado o non volevano sottoporsi a cistectomia radicale.
E' stato somministrato Pembrolizumab 200 mg Q3W ( ogni 3 settimane ) per 24 mesi o fino a recidiva, progressione o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario per la coorte A era la risposta completa ( CR ); gli endpoint secondari chiave erano la sicurezza e la durata della risposta.

I pazienti che presentavano tumore NMIBC ad alto rischio o una progressione della malattia durante il trattamento sono stati costretti a sospendere la somministrazione del farmaco.

Al momento del cutoff dei dati, 101 pazienti sono stati arruolati nella coorte A. Il follow-up mediano è stato di 9.4 mesi ( range 0.2-21.2 ).

Al terzo mese, il tasso di risposta completo mediante valutazione centralizzata è stato pari al 36.5% ( IC 95%, 26.3-47.6 ) in 85 pazienti valutabili.
Tra i 31 pazienti con risposta completa al terzo mese, la durata mediana della risposta completa è stata pari a 8.1 mesi ( range da 0+ a 13.7+ ).
La percentuale stimata dei pazienti con una durata della risposta maggiore o uguale a 6 mesi è stata dell'85.6%.

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 54 pazienti ( 55.7% ); le più comuni reazioni ( maggiore o uguale al 5% ) sono state: diarrea ( 9.3% ), prurito ( 9.3% ), affaticamento ( 7.2% ), ipotiroidismo ( 5.2% ), rash maculopapulare ( 5.2% ) e artralgia ( 5.2% ).

Effetti indesiderati di grado 3-5 correlati al trattamento si sono verificati in 11 pazienti ( 11.3% ); 1 decesso è stato considerato correlato al trattamento.
Gli effetti avversi immunomediati si sono verificati in 15 pazienti ( 15.5% ) e sono stati di grado 3-4 in 2 pazienti ( 2.1% ).

In conclusione, Pembrolizumab ha mostrato attività antitumorale incoraggiante nei pazienti con carcinoma non-muscolo invasivo, non-responsivo a BCG, con carcinoma in situ.
Il profilo di sicurezza di Pembrolizumab in questa popolazione è coerente con quello degli studi precedenti. ( Xagena )

Fonte: European Society of Medical Oncology - ESMO Congress, 2018

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro