Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoPneumologia
OncoHub

Pembrolizumab in combinazione con Axitinib migliora significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione come terapia di prima linea per il carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico


Lo studio pivotale di fase 3 KEYNOTE-426 che sta studiando Pembrolizumab ( Keytruda ), una terapia anti-PD-1, in combinazione con Axitinib ( Inlyta ), un inibitore della tirosin-chinasi, ha raggiunto entrambi gli endpoint primari di sopravvivenza globale ( OS ) e di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico ( RCC ).

Sulla base della prima analisi ad interim del Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ( DMC ), la combinazione di Pembrolizumab più Axitinib ha prodotto miglioramenti statisticamente significativi e clinicamente significativi nella sopravvivenza globale e nella sopravvivenza libera da progressione rispetto alla monoterapia con Sunitinib ( Sutent ).
Lo studio ha anche incontrato l'endpoint secondario chiave del tasso di risposta obiettiva ( ORR ), con miglioramenti significativi per la combinazione di Pembrolizumab e Axitinib rispetto alla monoterapia con Sunitinib.
I risultati per sopravvivenza globale, sopravvivenza libera da progressione e tasso di risposta obiettiva erano coerenti indipendentemente dall'espressione di PD-L1 e dai gruppi a rischio.
Il profilo di sicurezza di Pembrolizumab e Axitinib in questo studio è risultato generalmente coerente con quello osservato negli studi precedentemente riportati per ciascuna terapia.

Meno del 10% dei pazienti con diagnosi di carcinoma a cellule renali avanzato è vivo a 5 anni; c'è pertanto una significativa necessità di terapie efficaci per questa malattia.

KEYNOTE-426 è uno studio randomizzato a doppio braccio di fase 3 che sta valutando la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab in associazione con Axitinib come trattamento di prima linea per il carcinoma a cellule renali in fase avanzata o metastatica, rispetto a Sunitinib.
I due endpoint primari dello studio sono la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, mentre l'endpoint secondario chiave è il tasso di risposta obiettiva.
Ulteriori endpoint secondari sono il tasso di controllo della malattia ( DCR ), il numero di partecipanti che hanno sperimentato un evento avverso o hanno interrotto lo studio a causa di un evento avverso, la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza senza progressione a 12, 18 e 24 mesi e la sopravvivenza globale a 12, 18 e 24 mesi.
Nello studio, 861 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni tre settimane più Axitinib 5 mg per via orale due volte al giorno per un massimo di 24 mesi, oppure Sunitinib 50 mg per via orale una volta al giorno per quattro settimane, seguita da nessun trattamento per 2 settimane, in modo continuato.

Pembrolizumab è una terapia anti-PD-1 che agisce aumentando la capacità del sistema immunitario dell'organismo a rilevare e a combattere le cellule tumorali.
Pembrolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che blocca l'interazione tra PD-1 e i suoi ligandi, PD-L1 e PD-L2, attivando così i linfociti T che possono interessare sia le cellule tumorali che le cellule sane.

Il carcinoma a cellule renali è di gran lunga il tipo più comune di cancro del rene; circa 9 tumori del rene su 10 sono carcinomi a cellule renali.
Il tumore a cellule renali è circa due volte più comune negli uomini che nelle donne.
I fattori di rischio modificabili comprendono il fumo, l'obesità, l'esposizione sul posto di lavoro a determinate sostanze, e l'ipertensione.
Si ritiene che nel 2018 ci saranno circa 403.262 diagnosi di cancro al rene in tutto il mondo, e circa 175.098 decessi a causa della malattia.
Solo negli Stati Uniti ci saranno circa 63.340 nuovi casi di cancro al rene diagnosticati nel 2018 e circa 14.970 persone moriranno a causa della malattia ( Xagena )

Fonte: Merck, 2018

Xagena_Oncourologia_2018



Indietro