BMS
Roche Oncologia
Novartis
Lung Unit

Monoterapia di prima linea con Pembrolizumab nel carcinoma renale non-a-cellule chiare avanzato: follow-up aggiornato per la coorte B di KEYNOTE-427


KEYNOTE-427, uno studio di fase 2 a braccio singolo, in aperto, ha dimostrato l'attività antitumorale di prima linea di Pembrolizumab ( Keytruda ) in monoterapia nel carcinoma renale non-a-cellule chiare ( nccRCC ) ( coorte B ).

Gli studi sul carcinoma renale (RCC) e sull'immuno-oncologia hanno dimostrato che la profondità della risposta tumorale può essere correlata a benefici a lungo termine.

E' stata presentata l'associazione tra profondità di risposta e la sopravvivenza globale ( OS ), e i dati aggiornati di efficacia e di sicurezza nella coorte B di KEYNOTE-427.

I pazienti con tumore nccRCC istologicamente confermato, che non avevano ricevuto una precedente terapia sistemica, e che avevano una malattia misurabile ( criteri RECIST v1.1 ) hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg IV Q3W per 2 anni o fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o interruzione.

Gli endpoint erano il tasso di risposta globale [ ORR ] ( primario ), la durata della risposta [ DOR ] e la sopravvivenza libera da progressione [ PFS ] ( criteri RECIST v1.1 ); sopravvivenza globale; e sicurezza.

L'associazione tra profondità di risposta, definita come riduzione massima dal basale nella somma delle lesioni target, e sopravvivenza globale è stata valutata utilizzando un modello di rischio proporzionale di Cox con gruppo di riduzione della lesione target come covariata variabile nel tempo.

Dei 165 pazienti, il 72% aveva istologia papillare, il 13% aveva istologia cromofoba e il 16% non-era-classificato.
Il tempo mediano dall'arruolamento al cut-off dei dati è stato di 18.7 mesi ( intervallo 9.9-26.0 ).

Il tasso ORR è stato del 26.1% ( IC al 95%, 19.5-33.5; 10 CR [ risposta completa ], 33 [ risposta parziale ] PR ).

La durata DOR mediana ( intervallo ) è stata pari a 15.3 mesi ( 2.8-21.0+ ); il 57.3% ha presentato una durata delal risposta di 12 mesi o più.

A 18 mesi, la percentuale di sopravvivenza PFS era del 18.9% e la percentuale di sopravvivenza OS era del 67.0%.

La maggior parte dei pazienti ( 58.8% ) ha presentato una certa riduzione delle lesioni target.
I pazienti con una riduzione di oltre il 30% delle lesioni target avevano una maggiore probabilità di sopravvivenza.

Il tasso ORR ( IC al 95% ) era simile per l'istologia papillare ( 28.0% [ 20.1-37.0 ] ) e non-classificato ( 30.8% [ 14.3-51.8 ] ) ma inferiore per l'istologia cromofoba ( 9.5% [ 1.2-30.4 ] ).

Le percentuali di sopravvivenza globale a 18 mesi erano del 70.8%, 66.7% e 50.0% rispettivamente nei gruppi papillare, cromofobo e non-classificato.

Gli effetti avversi correlati al trattamento ( TRAE ) si sono verificati nel 67.9% di tutti i pazienti, ed erano principalmente prurito ( 19% ), ipotiroidismo ( 14% ) e affaticamento ( 14% ).
Gli eventi TRAE di grado 3-5 si sono verificati nel 14% dei pazienti; 2 pazienti sono deceduti per un evento TRAE ( polmonite e arresto cardiaco ).

In conclusione, la monoterapia di prima linea con Pembrolizumab ha continuato a mostrare attività antitumorale nel carcinoma renale non-a-cellule chiare senza nuovi problemi di sicurezza.
In generale, per i pazienti che avevano una maggiore riduzione delle lesioni target, la tendenza era verso una migliore sopravvivenza globale; i pazienti con riduzione del carico tumorale maggiore o uguale all'80% hanno presentato esiti a lungo termine comparabili a quelli che hanno ottenuto una risposta completa definita secondo i criteri RECIST 1.1. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoUrologia_2020



Indietro