Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

L'interruzione della terapia anti-VEGF per la progressione versus tossicità influenza gli esiti delle terapie di seconda linea nel carcinoma a cellule renali metastatico


Un sottogruppo significativo di pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ) interrompe le terapie mirate al fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF-TT ) a causa della tossicità.
Non è noto se gli esiti clinici differiscano nei pazienti che ricevono una terapia mirata di seconda linea sulla base del motivo per l'interruzione della terapia di prima linea.

Sono stati inclusi i pazienti di 15 Centri del consorzio IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ) che hanno iniziato una terapia mirata di seconda linea, ed è stato considerato in modo retrospettivo il motivo per la sospensione della terapia di prima linea.
Sono stati valutati i risultati del trattamento di seconda linea, tra cui risposta, tempo al fallimento del trattamento, e sopravvivenza globale ( OS ).

In totale, sono stati identificati 1.124 pazienti: 866 pazienti ( 77% ) hanno interrotto la terapia anti-VEGF di prima linea a causa della progressione della malattia, e 208 pazienti ( 19% ) a causa della tossicità

Il motivo per l'interruzione della terapia di prima linea non differiva in base al gruppo di rischio IMDC.

Rispetto ai pazienti che hanno interrotto la terapia anti-VEGF di prima linea a causa della progressione della malattia, i pazienti che hanno interrotto a causa della tossicità hanno avuto un maggiore beneficio clinico ( malattia non-progressiva come migliore risposta ) nel trattamento di seconda linea ( 68% vs 56%; odds ratio aggiustato, aOR=1.58; P=0.023 ) e una sopravvivenza globale più lunga ( 17.4 vs 11.2 mesi, hazard ratio aggiustato, aHR=0.69, P=0.0002 ) aggiustando per tipo di terapia, tempo all’inizio del trattamento di seconda linea, gruppo di rischio IMDC e numero di metastasi all'inizio del trattamento di seconda linea.

In conclusione, i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico, che interrompono la terapia mirata verso VEGF di prima linea a causa della tossicità hanno esiti migliori con la terapia di seocnda linea, rispetto ai pazienti che interrompono la terapia a causa della progressione della malattia.
Questi risultati dovrebbero essere presi in considerazione quando si progettano studi clinici per terapie di seconda linea nel tumore renale metastatico. ( Xagena )

De Velasco G et al, Clin Genitourin Cancer 2017; 15: 403-410.e2

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro