Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Tumore prostata

L'alterata espressione di survivina non è un fattore prognostico indipendente per i pazienti con carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore


Diversi studi, a singolo Centro e condotti su campioni ristretti, hanno riportato risultati contrastanti per quanto riguarda il valore prognostico dell'espressione di survivina nel carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore dopo nefroureterectomia radicale.

Uno studio clinico è stato quindi condotto su un'ampia coorte multi-istituzionale di pazienti, al fine di convalidare l'effettiva utilità prognostica dell'espressione di survivina.

L'espressione di survivina è stata valutata attraverso analisi immunoistochimica dei tessuti tumorali di 732 pazienti con carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore, unilaterale, sporadico, sottoposti a nefroureterectomia radicale tra il 1990 e il 2008 in 7 Istituti di ricerca.

L'espressione di survivina è stata considerata alterata quando almeno il 10% delle cellule tumorali era colorato.

Le associazioni fra alterata espressione di survivina, sopravvivenza libera da recidiva e sopravvivenza cancro-specifica ( CSS ) sono state valutate utilizzando i modelli di regressione di Cox per il rischio proporzionale.

Un'alterata espressione di survivina è stata osservata in 288 ( 39.3% ) dei tumori analizzati ed è stata associata a: stadi più avanzati di tumore ( P inferiore a 0.001 ), presenza di metastasi linfonodali ( P inferiore a 0.001 ), invasione linfovascolare ( P inferiore a 0.001 ), sviluppo di necrosi tumorale ( P = 0.027 ) e alla specifica architettura del tumore ( P inferiore a 0.001 ).

Il periodo di follow-up oggetto dello studio è stato di 35 mesi ( 16-64 mesi ), durante il quale 191 pazienti ( 25.4% ) hanno sperimentato recidiva e 165 pazienti ( 21.9% ) sono deceduti a causa della malattia.

Dall'analisi univariata dei dati è emerso che l'alterata espressione di survivina è risultata significativamente associata a una peggiore sopravvivenza libera da recidiva e a una scarsa sopravvivenza cancro-specifica ( entrambi con P inferiore a 0.001 ).

Le due analisi multivariate dei dati non hanno tuttavia identificato l'alterata espressione di survivina come un significativo fattore predittivo indipendente ( P = 0.24 e P = 0.53, entrambe con scarsa significatività ).
Allo stesso modo, la survivina non era associata in modo indipendente ai risultati ottenuti dalle analisi dei diversi sottogruppi, inclusi i pazienti con tumori ad alto grado.

In conclusione, nel carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore, l'alterata espressione di survivina è associata a peggiori caratteristiche clinico-patologiche, a una peggiore sopravvivenza libera da recidiva e a una scarsa sopravvivenza cancro-specifica.
Tuttavia, se si considerano i fattori prognostici standard, l'alterata espressione di survivina non sembra essere associata in modo indipendente agli esiti del tumore. ( Xagena2015 )

Mathieu R et al, Urol Oncol 2015; 33: 495.e15-22

Xagena_OncoUrologia_2015



Indietro