Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
ForumOncologico

La trasfusione restrittiva nella cistectomia radicale è sicura


La trasfusione di sangue perioperatoria ( PBT ) è comune nella cistectomia radicale ed è stata correlata a esiti oncologici meno favorevoli.
Finora non era stato studiato l’effetto di limitare la trasfusione peri-operatoria in questa popolazione in gran parte anziana e con comorbidità.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare la sicurezza di un protocollo trasfusionale restrittivo ( RTP ) nei pazienti sottoposti a cistectomia radicale per carcinoma uroteliale, e sono stati. pertanto, confrontati i risultati oncologici tra i pazienti che hanno e non hanno ricevuto trasfusione restrittiva.

Sono stati analizzati gli esiti di 173 pazienti che hanno soddisfatto i criteri di inclusione, sottoposti a cistectomia radicale per carcinoma uroteliale nel periodo 2010-2014 da un singolo chirurgo che ha impiegato il protocollo di trasfusione restrittiva.
Sono stati effettuati confronti appaiati con una coorte sottoposta a cistectomia radicale durante un'era precedente di trasfusione peri-operatoria più liberale, e sono stati confrontati i risultati a 90 giorni.

Il follow-up mediano per la coorte trasfusione restrittiva è stato di 3.1 anni.

L'età mediana era di 70 anni. 46 pazienti ( 26.6% ) sono stati sottoposti a protocollo trasfusionale restrittivo.

87 coppie abbinate sono state generate dalla coorte RTP e dall'era liberale in cui il tasso di trasfusioni restrittive era stato pari al 94%.
Non sono emerse differenze nei tassi di complicanze a 90 giorni, mortalità o tassi di riammissione ( P maggiore di 0.05 ).

Nella coorte trasfusione restrittiva, i pazienti sottoposti a trasfusione di sangue peri-operatoria hanno presentato una maggiore perdita ematica stimata ( 500 vs 350, P=0.001 ), più basso ematocrito al basale ( 28.9 vs 33.3, P=0.005 ) e simile tempo operatorio ( 5.8 vs 5.3 ore, P=0.01 ) e durata del ricovero ( 5.5 vs 5, P=0.07 ).

Alla dimissione e al follow-up a 3 settimane, non vi è stata alcuna differenza nell'ematocrito ( P maggiore di 0.05 ).

Nel gruppo senza trasfusione perioperatoria, i tassi di complicazioni a 90 giorni ( 65.6% vs 86.7%, P=0.007 ) e di alto grado ( 15.6% vs 34.8%, P=0.003 ) erano inferiori.

All'analisi multivariata, i predittori di trasfusione peri-operatoria sono stati: età ( odds ratio, OR=1.06 ), indice di comorbidità di Charlson maggiore o uguale a 2 ( OR=2.68 ), chemioterapia neoadiuvante ( OR=3.74 ), maggiore o uguale pT3 ( OR=5.5 ), ematocrito basale ( OR=0.95 ) e perdita ematica stimata ( OR=1.001 ).

La trasfusione peri-operatoria è risultata associata a una più bassa sopravvivenza libera da recidiva ( hazard ratio, HR=2.16; P=0.02 ) e sopravvivenza globale ( HR=2.25; P=0.01 ).

In conclusione, il protocollo di trasfusione restrittiva nella cistectomia radicale è risultato sicuro.
La trasfusione perioperatoria era associata a una minore sopravvivenza libera da recidiva e sopravvivenza globale indipendentemente dalle caratteristiche clinico-patologiche. ( Xagena )

Syan-Bhanvadia S et al, Urol Oncol 2017; 35: 528.e15-528.e21

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro