Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGeriatria

La prostatectomia radicale neutralizza il rischio di progressione del cancro alla prostata guidata dalla obesità


L'obesità ha effetti negativi su alcuni esiti di cancro alla prostata, tra cui la mortalità per questa neoplasia.
Tuttavia, la validità di alcune di queste associazioni è ancora in discussione, compreso il suo effetto sullo stadio patologico alla prostatectomia radicale e alla successiva recidiva biochimica, che rappresenta l'obiettivo di questo studio.

Sono stati coinvolti pazienti con tumore alla prostata, sottoposti a prostatectomia radicale presso il Martini-Klinik Prostate Cancer Center tra il 2004 e il 2015.
In primo luogo, è stata testata l'associazione tra obesità e malattia non-confinata all’organo ( maggiore o uguale a pT3 o pN1 ).
In secondo luogo, è stato analizzato l'effetto dell’obesità su BCR. In ultima analisi, in una coorte abbinata per punteggio di propensione, è stata analizzata la sopravvivenza libera da recidiva biochimica secondo l’indice di massa corporea ( kg/m2 ) [ BMI ] ( 30 o superiore vs inferiore a 25 ).

Su 16.014 individui, 2.403 ( 15% ) uomini erano obesi ( BMI maggiore o uguale a 30 ).

Il follow-up mediano è stato di 36.4 mesi.

I pazienti obesi hanno presentato una più alta probabilità di avere una malattia non-confinata all'organo allo stadio finale della patologia ( odds ratio=1.27; P minore di 0.001 ) ma non avevano più alti tassi di recidiva biochimica ( OR=0.98; P=0.7 ).

Allo stesso modo, la sopravvivenza libera da recidiva biochimica non era differente tra gli uomini obesi e non-obesi, dopo l'associazione per punteggi di propensione ( log rank P=0.9 ).

In conclusione, l'obesità ( BMI maggiore o uguale a 30 ) potrebbe predisporre a tassi più elevati di malattie non-confinate all’organo alla prostatectomia radicale.
Tuttavia, l'obesità non era un predittore indipendente di recidiva biochimica dopo l'intervento chirurgico.
Di conseguenza, l'effetto sfavorevole dell'obesità sul carcinoma prostatico potrebbe essere limitato alla diffusione locale della malattia e potrebbe essere neutralizzato dopo prostatectomia. ( Xagena )

Schiffmann J et al, Urol Oncol 2017; 35: 243-249

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro