Janssen Oncology
OncoHub
Oncologia Morabito
Novartis

Indice di massa corporea aumentato come fattore di rischio nel cancro prostatico localizzato trattato con prostatectomia radicale


L'associazione tra obesità e forme aggressive di cancro alla prostata è controversa.
E’ stato esaminato l'indice di massa corporea ( BMI ) preoperatorio e i livelli di antigene prostatico specifico ( PSA ) come fattori di rischio predittivi di un aumento del peso della prostata e della aggressività della malattia.

Una revisione retrospettiva di 464 pazienti con carcinoma della prostata localizzato sottoposti a prostatectomia radicale tra il 1999 e il 2006 ha esaminato le relazioni tra le variabili clinico-patologiche ( BMI, PSA preoperatorio, biopsia, punteggio patologico di Gleason, e peso di tutta la prostata ) aggiustando per età, anno dell’intervento chirurgico, PSA o BMI, stadio patologico e punteggio di Gleason.

L'età media dei pazienti ( 51% cT1c, 69% pT2 ) era di 61 anni, l’indice BMI medio 26.50 kg/m2, PSA medio 6.8 ng/ml, peso mediano della prostata 51 g, punteggio Gleason della biopsia mediano 6, e punteggio di Gleason patologico mediano 7.

Il punteggio di Gleason è aumentato in 227 pazienti ( 49% ) da un valore mediano 6 a 7 ( P minore di 0.00001 ).

Il peso medio della prostata era 47 g per l’indice BMI inferiore a 25 kg/m2 ( n=170 ), 47 g per l’indice BMI da 25 a 30 kg/m2 ( n=224 ) e 59 g per l’indice BMI superiore a 30 kg/m2 ( n=69 ) ( P minore di 0.00184 ).

Il peso medio della prostata era significativamente più alto per l’indice BMI superiore a 30 rispetto all’indice BMI inferiore a 25 ( 47 g vs 59 g, P minore di 0.00015 ).

Il PSA medio era significativamente più alto per BMI superiore a 30 rispetto a tutti gli altri pazienti combinati ( 8.56 vs 8.34; P=0.001 ).

Il PSA era positivamente associato ad alto punteggio di Gleason della biopsia per l’indice BMI uguale o superiore a 25 ( P=0.048 ) e l’indice BMI uguale o superiore a 30 ( P=0.009 ), ma non per BMI uguale o inferiore a 25 ( P=0.151 ).

L’indice BMI uguale o maggiore di 30 era associato con un più alto stadio pT ( odd ratio, OR=1.279, P=0.015 ).

All'analisi multivariata, un più alto indice di massa corporea era associato con un più alto peso della prostata ( P=0.036 ) e stadio pT ( P=0.008 ) e un più alto PSA con più elevato punteggio di Gleason della biopsia ( P=0.002 ).

Né l’indice BMI né PSA erano associati con l’aumento del punteggio di Gleason.

In conclusione, un più alto indice BMI è risultato associato a un maggiore peso della prostata e a un più alto valore di PSA, così come a un più alto stadio pT e a più elevati punteggi di Gleason patologico negli uomini sottoposti a prostatectomia radicale, fornendo un'ulteriore prova che gli uomini obesi hanno maggiori probabilità di avere forma tumorale aggressiva.
L’indice BMI costituisce quindi un fattore di rischio aggiuntivo oltre a PSA. ( Xagena2016 )

Goris Gbenou MC et al, Urol Oncol 2016; 34: 254.e1-254.e6

Xagena_OncoUrologia_2016



Indietro