Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
Tumore prostata

Impatto della sindrome metabolica sugli esiti oncologici alla prostatectomia radicale


Le associazioni tra la sindrome metabolica e il carcinoma alla prostata dopo la prostatectomia radicale non sono ben definite.
Uno studio ha cercato di comprendere il ruolo della sindrome metabolica nell'influenzare gli esiti oncologici alla prostatectomia radicale.

Sono stati identificati i pazienti sottoposti a prostatectomia radicale per tumore alla prostata presso un unico Centro dal 2000 al 2010.
La sindrome metabolica prima della prostatectomia radicale è stata accertata con una versione modificata di IDF-AHA / NHLBI utilizzando i codici ICD-9.

Gli esiti istopatologici includevano margini chirurgici, stadio patologico e upgrading del punteggio di Gleason ( GS ).
Gli esiti a lungo termine includevano recidiva biochimica, recidiva locale, progressione sistemica e mortalità specifica per il carcinoma prostataico.

Su 8.504 pazienti con prostatectomia radicale, 1.054 ( 12.4% ) presentavano sindrome metabolica al momento della prostatectomia radicale.

I pazienti con sindrome metabolica erano più anziani, avevano un punteggio GS da biopsia più elevato, ma un antigene prostatico specifico ( PSA ) inferiore pre-operazione, GS patologico superiore, e maggiore volume della prostata.

È stata notata una associazione tra sindrome metabolica e margini positivi ( odds ratio OR=1.22, P=0.025 ) e upgrading del punteggio GS ( OR=1.28, P=0.002 ).

C'era evidenza di un aumentato rischio di recidiva locale ( hazard ratio HR=1.33, P=0.037 ) e mortalità specifica per tumore alla prostata ( HR=1.58, P minore di 0.001 ) per i pazienti con sindrome metabolica.
Non c'erano prove che suggerissero una associazione con recidiva biochimica o progressione sistemica.

In conclusione, gli uomini con sindrome metabolica hanno un rischio più elevato di upgrading del punteggio GS e margini chirurgici positivi alla chirurgia, recidiva locale e mortalità specifica per cancro alla prostata.
Stadio patologico, recidiva biochimica e progressione sistemica non erano associati a sindrome metabolica.
I dati possono essere utili nella consulenza ai pazienti, specialmente quando la sorveglianza attiva è una opzione. ( Xagena )

Morlacco A et al, Urologic Oncology: Seminars and Original Investigations 2018; 36: 528.e1-528.e6

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro