Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore polmone
OncoDermatologia

Il sequenziamento di nuova generazione del cancro della vescica non-muscolo-invasivo rivela potenziali biomarcatori e bersagli terapeutici


La caratterizzazione molecolare del cancro della vescica non-muscolo-invasivo ( NMIBC ) può fornire una logica biologica per la risposta al trattamento e nuove strategie terapeutiche.

Sono state identificate le alterazioni genetiche con potenziali implicazioni cliniche nel tumore della vescica non-muscolo-invasivo.
Tumori indice pretrattamento e il DNA della linea germinale abbinato di 105 pazienti con tumore della vescica non-muscolo-invasivo su un protocollo prospettico sono stati sottoposti a un'analisi mirata di sequenziamento dell’esone in un laboratorio clinico certificato.

I modelli di commutazione e le alterazioni del numero di copie sono stati confrontati tra stadi e gradi.
Sono state stimate le associazioni tra alterazioni genomiche e recidiva dopo somministrazione intravescicale di bacillo di Calmette-Guérin ( BCG ).

Mutazioni del promotore TERT ( 73% ) e alterazioni geniche modificanti la cromatina ( 69% ) erano altamente prevalenti tra grado e stadio, suggerendo che questi eventi si verificano all'inizio della tumorigenesi.

Alterazioni ERBB2 o FGFR3 erano presenti nel 57% dei tumori della vescica non-muscolo-invasivo di alto grado in un modello mutuamente esclusivo.

Alterazioni del gene di riparazione del danno del DNA ( DDR ) sono state osservate nel 30% ( 25/82 ) dei tumori della vescica non-muscolo-invasivo di alto grado, un tasso simile al carcinoma della vescica muscolo-invasivo e sono state associate a un carico mutazionale più elevato rispetto ai tumori con geni DDR intatti ( P minore di 0.001 ).

Mutazioni di ARID1A sono risultate associate a un aumentato rischio di recidiva dopo BCG ( hazard ratio, HR=3.14, P=0.002 ).

In conclusione, il sequenziamento di nuova generazione di tumori della vescica non-muscolo-invasivi indice, naive al trattamento, ha mostrato che la maggior parte dei tumori della vescica non-muscolo-invasivi aveva almeno un'alterazione che poteva potenzialmente servire da bersaglio in studi razionalmente progettati di terapia intravesicale o sistemica.
Le alterazioni del gene DDR sono state frequenti nei tumori della vescica non-muscolo-invasivi di alto grado e sono state associate a un aumento del carico mutazionale, con possibili implicazioni terapeutiche per l'immunoterapia con BCG e gli studi in corso sugli inibitori del checkpoint sistemico.
Le mutazioni di ARID1A sono state associate a un aumentato rischio di recidiva dopo la terapia con BCG.
Sono necessarie ulteriori indagini per capire se le mutazioni di ARID1A rappresentino un biomarcatore predittivo della risposta a BCG o siano prognostiche nei pazienti con tumori della vescica non-muscolo-invasivi. ( Xagena )

Pietzak EJ et al, Eur Urol 2017; 72: 952-959

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro