Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Esiti oncologici a lungo termine dopo terapia trimodale e cistectomia radicale con o senza chemioterapia neoadiuvante per tumore della vescica muscolo-invasivo


Sono stati analizzati gli esiti oncologici a lungo termine della terapia trimodale e della cistectomia radicale per il trattamento del tumore della vescica muscolo-invasivo con o senza chemioterapia neoadiuvante.

È stata condotta una ricerca sistematica secondo le linee guida PRISMA per gli studi che riportavano gli esiti dopo terapia trimodale e cistectomia radicale.
Sono stati inclusi in totale 57 studi con 30.293 pazienti.
Sono stati valutati i tassi di sopravvivenza globale ( OS ), sopravvivenza specifica per la malattia ( DSS ) e sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) per terapia trimodale e cistectomia radicale.

La sopravvivenza globale media a 10 anni è stata del 30.9% per la terapia trimodale e del 35.1% per la cistectomia radicale ( P=0.32 ).

La sopravvivenza specifica per la malattia a 10 anni media è stata del 50.9% per terapia trimodale e del 57.8% per la cistectomia radicale ( P=0.26 ).

La chemioterapia neoadiuvante è stata somministrata prima della terapia a 453 ( 13.3% ) su 3.402 pazienti trattati con terapia trimodale e a 812 ( 3.0% ) su 27.867 pazienti trattati con cistectomia radicale ( P minore di 0.001 ).

Una risposta completa ( CR ) è stata ottenuta in 1.545 su 2.051 ( 75.3% ) pazienti valutabili trattati con terapia trimodale.

La chemioterapia neoadiuvante a 5 anni, la sopravvivenza specifica per la malattia e la sopravvivenza libera da recidiva dopo cistectomia radicale sono state rispettivamente del 66.9%, 78.3% e 52.5%.

Una stadiazione verso il basso ( downstaging ) dopo resezione del tumore della vescica transuretrale o chemioterapia neoadiuvante a uno stadio uguale o inferiore a pT1 alla cistectomia radicale è stata riportata in 2.416 su 8.311 pazienti ( 29.1% ).

La chemioterapia neoadiuvante ha aumentato significativamente il tasso di pT0 dal 20.2% al 34.3% ( P=0.007 ) in cT2 e dal 3.8% al 23.9% ( P minore di 0.001 ) in cT3-4.

La sopravvivenza globale a 5 anni, sopravvivenza specifica per la malattia e RFS nei pazienti con stadiazione inferiore ( pT1 o inferiore ) alla cistectomia radicale sono state, rispettivamente, pari a 75.7%, 88.3% e 75.8%.

In conclusione, nella analisi, gli esiti di sopravvivenza dei pazienti dopo terapia trimodale e cistectomia radicale per tumore della vescica muscolo-invasivo sono risultati comparabili.
I pazienti che hanno manifestato un downstaging dopo chemioterapia neoadiuvante e cistectomia radicale hanno mostrato una sopravvivenza migliore rispetto ai pazienti trattati con cistectomia radicale.
I migliori risultati di sopravvivenza dopo terapia trimodale sono associati con una cistectomia radicale a questo approccio. ( Xagena )

Fahmy O et al, Urologic Oncology 2018; 36; 45-53

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro