Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Esiti oncologici a lungo termine di un programma di sorveglianza attiva nel cancro della vescica Ta di basso grado ricorrente


Nel corso degli ultimi due decenni, c'è stato un notevole aumento della sorveglianza attiva come alternativa terapeutica nei tumori urologici considerati a basso rischio.
Grazie a risultati clinici significativi, questo report presenta un aggiornamento del programma di sorveglianza attiva nei pazienti con tumore della vescica ricorrente non muscolo-invasivo.
L'obiettivo è stato quello di confermare la sicurezza oncologica a lungo termine di questo protocollo e determinare le possibili variabili associate con la progressione.

È stata utilizzata una coorte di pazienti inclusi nella sorveglianza attiva tra il 1999 e il 2014.

I criteri di inclusione erano: presenza di tumori papillari ricorrenti, precedente PTA-pT1, G1-G2, inferiore a 1 cm, e meno di 5 siti tumorali.
I criteri di esclusione erano: precedente G3, carcinoma in situ, o citologia positiva.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad attento monitoraggio con cistoscopia flessibile ogni 3 o 4 mesi per i primi 2 anni. Trascorso questo tempo, i follow-up sono stati condotti ogni 6 mesi, alternando cistoscopia e ultrasuoni.
Il test citologico urinario è stato eseguito a tutte le visite.

In tutto, sono stati studiati 252 periodi di sorveglianza attiva in 186 pazienti, con un follow-up mediano di 6 anni.
Al di fuori di tutti i periodi, 203 ( 80.6% ) sono stati sottoposti a trattamento attivo.

Dopo essere rimasto sotto osservazione, l’86.4% non aveva progredito nello stadio e il 79.3% nel grado.
Di questi pazienti, 4 hanno manifestato una progressione a T2; tutti erano in precedenza T1G2.

In conclusione, la sorveglianza attiva in un gruppo ad alta selettività di pazienti con tumore della vescica non-muscolo-invasivo ricorrente è fattibile e oncologicamente sicuro nel lungo termine.
I pazienti con precedente storia di T1 non dovrebbero essere inclusi nei protocolli di sorveglianza attiva, anche quando vengono diagnosticate ricorrenze molto piccole. ( Xagena )

Hernández V et al, Urologic Oncology 2016; 34: 165.e19-165.e23

Xagena_OncoUrologia_2016



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })