Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoDermatologia

Enzalutamide prolunga il controllo dei sintomi urinari e intestinali negli uomini con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico


Lo studio PROSPER ha mostrato un miglioramento clinicamente e statisticamente significativo nella sopravvivenza libera da metastasi ( hazard ratio, HR = 0.292 [ IC 95% 0.241, 0.352 ], p inferiore a 0.0001 ) con Enzalutamide ( Xtandi; n = 933 ) rispetto a placebo ( n = 468 ) in uomini asintomatici con carcinoma prostatico non-metastatico resistente alla castrazione ( nmCRPC ) e tempo di raddoppiamento dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) inferiore o uguale a 10 mesi.
Tutti gli uomini senza una precedente orchiectomia hanno continuato la terapia di deprivazione androgenica.

I ricercatori hanno valutato l'impatto di Enzalutamide sui sintomi del tumore alla prostata e sulla qualità di vita correlata alla salute ( HRQoL ).

I sintomi del carcinoma della prostata e HRQoL sono stati valutati al basale e successivamente ogni 16 settimane, utilizzando il questionario EORTC QLQ-PR25 ( Quality of Life-Prostate 25 ) e EQ-5D-5L ( EuroQol five-dimensional questionnaire ).

Il peggioramento clinicamente significativo dei sintomi nei punteggi sintomatologici del cancro alla prostata è stato definito utilizzando soglie derivate come deviazione standard 1/2 dal valore basale.

Il deterioramento clinicamente significativo della scala analogica visiva EQ-5D-5L è stato definito utilizzando la soglia prestabilita di 7.
Il tempo al primo deterioramento confermato ( due visite consecutive ) e non-confermato ( una sola visita ) nei punteggi QLQ-PR25 ed EQ-5D-5L sono stati valutati usando le stime di Kaplan-Meier e i modelli di Cox.

I tassi di completamento erano alti per i pazienti rimasti in studio ( oltre l'85% per tutte le visite ). I punteggi di base erano simili tra i bracci con un basso carico di sintomi ( compresi i sintomi urinari e intestinali ) e un alto HRQoL.

La percentuale di pazienti con nessun cambiamento o con miglioramento dei valori di HRQoL e dei sintomi del cancro alla prostata alla settimana 49, è risultata più alta con Enzalutamide ( 67-87% ) rispetto al placebo ( 62-81% ).

Nel corso del trattamento, Enzalutamide ha ritardato in modo significativo il peggioramento dei sintomi, compresi i sintomi urinari e intestinali, e la funzione.

Al contrario, Enzalutamide ha aumentato significativamente il rischio di peggioramento dei sintomi correlati al trattamento ormonale rispetto al placebo.

In conclusione, oltre alla progressione ritardata della malattia nello studio PROSPER, Enzalutamide ha prolungato il controllo dei sintomi urinari e intestinali, e ha ritardato il declino dei punteggi HRQoL rispetto al placebo. ( Xagena )

Fonte: European Society of Medical Oncology - ESMO Congresso, 2018

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro