Bayer Banner
Gilead Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Effetto della localizzazione del tumore sulla sopravvivenza nell’adenocarcinoma della vescica


È stato indagato il significato prognostico della localizzazione del tumore sui risultati di sopravvivenza nei pazienti con adenocarcinoma della vescica.
Sono stati analizzati in modo retrospettivo i casi di adenocarcinoma della vescica con localizzazione nota del tumore dal database SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ) dal 1973 al 2012.
Sono stati raccolti dati relativi ai dati anagrafici del paziente, caratteristiche del tumore, ed esiti oncologici e di sopravvivenza.

I pazienti sono stati suddivisi in base alla localizzazione del tumore in uraco e cupola, parete laterale ( parete vescicale anteriore, posteriore e laterale ), e base ( trigono, orifizi ureterali e collo della vescica ).

In totale sono stati identificati 1.361 casi di adenocarcinoma della vescica con localizzazione nota del tumore.

Più carcinomi dell’uraco e della cupola erano di basso grado ( grado I e II; 51% ) rispetto ai tumori della vescica laterale ( 33% ) e della parte basale della vescica ( 43% ) ( P minore di 0.0001 ).
Le lesioni a livello dell’uraco e della cupola hanno presentato una maggiore probabilità di andare incontro a diffusione metastatica ( 23% vs 17% per la parete laterale e 15% per basale ) ( P minore di 0.0001 ).

I tassi di sopravvivenza globale a 5 anni ( OS ) e di sopravvivenza malattia-specifica ( DSS ) sono stati, rispettivamente, pari a 37.3% e 49.0%, per tutti gli adenocarcinomi della vescica.

Inoltre, i tassi di sopravvivenza globale a 5 anni sono stati 42.3%, 35.9% e 28.4%, rispettivamente, per le lesioni uraco-cupola, parete laterale e basale ( P minore di 0.0001 ), mentre i tassi di sopravvivenza malattia-specifica a 5 anni sono stati 50.2%, 51.7% e 42.1 %, rispettivamente, per le lesioni uraco, parete laterale e basale ( P=0.0097 ).

Controllando per stadio e grado tumorale si è dimostrato che sia i tumori della parete laterale ( hazard ratio, HR=1.52 per la sopravvivenza globale e 1.30 per la sopravvivenza malattia-specifica ) sia i tumori della base ( HR=1.71 per la sopravvivenza globale e 1.57 per la sopravvivenza malattia-specifica ) presentavano una prognosi peggiore rispetto a quella dei tumori dell’uraco-cupola ( P minore di 0.05 ).

In conclusione, la localizzazione dell’adenocarcinoma della vescica è un fattore prognostico indipendente per l'esito della malattia.
I risultati suggeriscono che le localizzazioni in uraco e cupola sono associate a sopravvivenza e a esiti oncologici relativamente favorevoli, mentre una posizione basale porta a esiti più sfavorevoli. ( Xagena2016 )

Dutta R et al, Urologic Oncology 2016; 34: 531.e1-531.e6

Xagena_OncoUrologia_2016



Indietro
<-- OLD GA ANALITYCS $(function(){ //$('.notifier').addClass('open'); $('#js-reduce-link').on('click', function(e){ e.preventDefault(); $('.alert-banner').removeClass('alert-banner--large'); }); })