Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore prostata

Combinazione di Cisplatino e 5-Fluorouracile con taxano nel trattamento dei pazienti sottoposti a dissezione linfonodale per metastasi nodale da carcinoma a cellule squamose del pene


Al momento, il ruolo della chemioterapia nel trattamento delle metastasi linfonodali da carcinoma a cellule squamose del pene non è ancora ben definito.

A tal proposito, uno studio clinico è stato condotto al fine di valutare l'efficacia della combinazione di taxano, Cisplatino e 5-Fluorouracile ( T-PF ) nel setting adiuvante e neo-adiuvante delle metastasi linfonodali.

A partire da giugno 2004, la combinazione taxano, Cisplatino, e 5-Fluorouracile è stata somministrata a pazienti con neoplasia allo stadio N2-N3.

Nel corso dello studio, l'obiettivo del trattamento chemioterapico è cambiato, con una prevalenza dello scopo neo-adiuvante rispetto all'adiuvante.

Gli end-point primari dello studio erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).
Gli end-point secondari dello studio erano la tollerabilità e l'attività dei farmaci nel trattamento neo-adiuvante.

A partire dal mese di ottobre 2012, 47 pazienti consecutivi N2-3 M0 sono stati sottoposti a trattamento neo-adiuvante ( n = 28 ) o adiuvante ( n = 19 ) con taxano, Cisplativo, e 5-Fluorouracile.

18 pazienti ( 38.3% ) sono risultati liberi da malattia dopo un follow-up mediano di 22 mesi ( range interquartile: 17-42 mesi ).
I tassi di sopravvivenza libera da malattia a 2 anni sono stati del 36.8% per la terapia adiuvante ( intervallo di confidenza [IC] 95%: 15.2-58.5 ) e del 7.1% per la terapia neo-adiuvante ( IC 95%: 0-16.7 ).

La presenza di metastasi N3 è risultata associata a una scarsa sopravvivenza libera da progressione, mentre la presenza di metastasi bilaterali e di mutazioni a carico del gene p53 è stata associata a una scarsa sopravvivenza globale.

Dopo trattamento neo-adiuvante, il 43% dei pazienti ha avuto risposte cliniche mentre il 14% ha mostrato remissione completa della patologia; le risposte cliniche non sono state tuttavia associate alla sopravvivenza.
La neutropenia ( 25.5% ) è stata la più frequente reazione di tossicità di grado maggiore o uguale a 2.

In conclusione, il regime taxano, Cisplatino, e 5-Fluorouracile è risultato ben tollerato e presenta un profilo di attività e di efficacia paragonabile agli altri trattamenti neo-adiuvanti, mentre il trattamento adiuvante era associato a un'ottima sopravvivenza.
L'effettivo ruolo del trattamento perioperatorio di questi pazienti rimane ancora controverso; la somministrazione del trattamento preventivo nei pazienti con malattia resecabile deve avvenire quindi con estrema cautela. ( Xagena )

Nicolai N et al, Clin Genitourin Cancer 2015; S1558-7673(15)00182-2

Xagena_OncoUro_2015



Indietro