Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Chemioterapia adiuvante associata a miglioramento della sopravvivenza nel tumore del pene con linfonodo pelvico positivo dopo dissezione linfonodale


Uno studio clinico è stato condotto al fine di stabilire se la chemioterapia adiuvante sia effettivamente associata a un miglioramento della sopravvivenza nei pazienti con carcinoma del pene con linfonodi pelvici positivi dopo dissezione linfonodale.

Sono state analizzate, in modo retrospettivo, le informazioni relative ai pazienti con carcinoma del pene a cellule squamose, sottoposti a dissezione linfonodale in 4 Istituti nel periodo 1978-2013 e che sono risultati positivi all'analisi dei linfonodi pelvici.

Sono stati esclusi dallo studio i pazienti sottoposti a chemioterapia neoadiuvante o affetti da recidiva.

Le differenze fra i valori di sopravvivenza globale sono state determinate ricorrendo al log-rank test.

Nel corso dello studio, 141 pazienti sottoposti a dissezione linfonodale per carcinoma del pene hanno presentato linfonodi pelvici positivi e per 84 di questi sono stati rispettati i criteri di inclusione.
Il numero mediano di linfonodi pelvici positivi era 2 ( intervallo interquartile [ IQR ]: 4-7 ); nel 10% dei casi i linfonodi pelvici positivi erano a livello bilaterale, mentre nel 55% dei casi è stata osservata estensione extranodale.

In 36 pazienti ( 43% ) si è ricorso a trattamento chemioterapico adiuvante.
I pazienti candidati a trattamento chemioterapico adiuvante erano più giovani ( P = 0.014 ), presentavano una forma tumorale meno aggressiva ( P inferiore a 0.01 ), hanno mostrato una minore tendenza al ricorso a radioterapia adiuvante ( P inferiore a 0.01 ), presentavano minori casi di coinvolgimento linfonodale bilaterale ( P = 0.019 ) e avevano una maggiore estensione extranodale inguinale ( P = 0.042 ).

Il periodo mediano di follow-up è stato di 12.1 mesi.

La sopravvivenza globale mediana stimata è stata di 21.7 mesi ( IQR: 11.8-104 ) nei pazienti che hanno ricevuto chemioterapia adiuvante, contro i 10.1 mesi ( IQR: 5.6-48.1 ) dei pazienti non-sottoposti ad essa ( P = 0.048 ).

Dall'analisi multivariata dei dati, la chemioterapia adiuvante è risultata essere indipendentemente associata a una migliore sopravvivenza globale ( hazard ratio [ HR ]: 0.40; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 0.19-0.87; P = 0.021 ).

In conclusione, dallo studio è emerso che l'utilizzo di chemioterapia adiuvante è associato a un miglioramento della sopravvivenza nei pazienti con carcinoma del pene con linfonodi pelvici positivi dopo dissezione linfonodale.
Sono tuttavia necessari ulteriori studi prospettici per dimostrare la causalità dell'associazione. ( Xagena2015 )

Sharma P et al, Urol Oncol 2015; 33: 496.e17-23

Xagena_OncoUrologia_2015



Indietro