Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoGeriatria

Carcinoma della prostata metastatico resistente a castrazione: la somministrazione di basse dosi di Prednisolone in aggiunta al trattamento di prima linea a base di Docetaxel non ha effetto sulla prognosi


Una serie di studi randomizzati ha dimostrato un miglioramento della sopravvivenza in seguito alla combinazione di Docetaxel e Prednisone nel trattamento dei pazienti con carcinoma della prostata metastatico resistente a castrazione.

Al fine di stabilire se la concomitante somministrazione di basse dosi di glucocorticoidi sia effettivamente associata ad un beneficio clinico, uno studio ha analizzato in modo retrospettivo i dati clinici di due Centri.

Oggetto della revisione sono stati i dati relativi a 358 pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente a castrazione, trattati consecutivamente con Docetaxel alla dose di 75 mg/m2 ogni 3 settimane ( n=124 ) ( presso Rigshospitalet ) o con Docetaxel associato a Prednisolone alla dose di 10 mg al giorno ( n = 234 ) ( presso Herlev Hospital ), come chemioterapia di prima linea.

Dei 358 pazienti totali, 15 pazienti trattati con glucocorticoidi all'inizio del trattamento con Docetaxel presso il Rigshospitalet sono stati esclusi dallo studio.

Le reazioni avverse quali edema periferico ( di qualsiasi grado ), neuropatia sensoriale ( di grado maggiore o uguale a 2 ) e tossicità non-ematologica ( di grado maggiore o uguale a 3 ) sono state valutate mediante i criteri CTCAE, versione 4.0.

Dallo studio è emerso che i pazienti trattati solamente con Docetaxel hanno mostrato una maggiore incidenza di edema periferico ( 32% vs 15%, P minore di 0.001 ) e di tossicità non-ematologica di grado 3 ( 56% vs 43%; P = 0.022 ).
Nei pazienti trattati solamente con Docetaxel è stata osservata una maggiore frequenza di ricoveri ospedalieri ( 53% vs 41%; P = 0.035 ), riconducibili principalmente a una maggiore incidenza di neutropenia febbrile riscontrata nel gruppo ( 25% vs 10%; P minore di 0.001 ).

L'aggiunta di Prednisolone non ha influenzato la sopravvivenza libera da progressione ( P = 0.692, log-rank test ) o la sopravvivenza globale in seguito ad aggiustamento per i livelli basali di emoglobina, fosfatasi alcalina, lattato deidrogenasi, antigene prostatico specifico ( PSA ) e performance status ECOG ( hazard ratio, HR=0.98, intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 0.76-1.26; P = 0.89, calcolato con modello di regressione di Cox per il rischio proporzionale ).

In conclusione, i risultati dello studio hanno evidenziato che la somministrazione di basse dosi di Prednisolone in associazione a Docetaxel è in grado di ridurre l'incidenza di edema periferico, tossicità non-ematologica di grado 3 e rischio di ricovero ospedaliero per neutropenia febbrile.
L'analisi di sopravvivenza aggiustata ha tuttavia mostrato che la somministrazione aggiuntiva di basse dosi di Prednisolone non influenza la prognosi. ( Xagena  )

Kongsted P et al, Urol Oncol 2015; 33: 494.e15-494.e20

Xagena_OncoUrologia_2015



Indietro