Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumori testa-collo

Cabozantinib post-immunoterapia nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato: un'analisi aggregata di efficacia e di sicurezza


Mentre gli studi clinici hanno dimostrato i benefici della sopravvivenza dei regimi di prima linea, compresi gli agenti immunoncologici ( IO ) nel carcinoma a cellule renali in fase avanzata ( aRCC ), non è noto il trattamento ottimale dopo oncoimmunoterapia.

Nello studio METEOR di fase 3, Cabozantinib ( Cabometyx ) ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto a Everolimus ( Afinitor ) nei pazienti con tumore aRCC, dopo terapia con un inibitore tirosin-chinasico di VEGFR ( VEGFR-TKI ).

Lo studio giapponese di fase 2, C2001, rivolto a una popolazione equiparabile a quella di METEOR, ha mostrato risultati simili in termini di efficacia e di sicurezza.

I ricercatori hanno presentato una analisi aggregata post-hoc di pazienti che avevano ricevuto una precedente oncoimmunoterapia negli studi METEOR e C2001.

L'analisi ha riguardato pazienti che avevano ricevuto 60 mg/die di Cabozantinib per via orale una volta al giorno arruolati negli studi METEOR o C2001.
I pazienti sono stati divisi in due gruppi con precedente trattamento immuno-oncologico ( sottogruppo pre-w/ IO ) o senza precedente trattamento IO ( sottogruppo pre-w/o IO ).

L'analisi del tasso di risposta globale ( ORR ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), sopravvivenza globale ( OS ) e sicurezza sono state eseguite come misure del risultato clinico in ciascun sottogruppo.

365 pazienti ( sottogruppo pre-w/ IO: 33 pazienti, sottogruppo pre-w/o IO: 332 pazienti ) sono stati inclusi per l'analisi di efficacia e 366 pazienti ( sottogruppo pre-w/ IO: 33 pazienti, sottogruppo pre-w/o IO: 333 pazienti ) per l'analisi della sicurezza.

Sono state osservate lievi differenze nelle caratteristiche di base tra i sottogruppi di analisi, ma non sono state ritenute influenzare in modo sostanziale i risultati di efficacia.

Il tasso ORR è stato pari a 21.2% ( IC 95%: 9.0-38.9% ) per il sottogruppo pre-w/ IO e 17.2% ( IC 95%: 13.3-21.7% ) per il sottogruppo pre-w/o IO.

Il tasso di sopravvivenza PFS e di sopravvivenza OS a 6 mesi prima di pre-w/ IO è stato pari, rispettivamente, a 65.5%, 90.8%, mentre il pre-w/o IO era rispettivamente del 58.3% e del 90.6%.

Sebbene vi siano state alcune differenze nel profilo di sicurezza, quasi tutti gli effetti avversi erano gestibili mediante cambiamenti del dosaggio.
Non ci sono state differenze negli effetti avversi associati al trattamento immuno-oncologico, come polmonite, endocrinopatia o reazioni correlate all'infusione.
Nessun nuovo segnale di sicurezza è stato notato in nessun sottogruppo.

In conclusione, l'efficacia del trattamento e la sicurezza di Cabozantinib sono state mantenute nell'analisi aggregata dei pazienti degli studi METEOR e C2001 indipendentemente dal precedente trattamento oncoimmunoterapico. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_OncoUrologia_2020



Indietro