Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito
Janssen Oncology

Cabozantinib nel trattamento del carcinoma renale papillare metastatico


Sebbene vi sia stata una rapida proliferazione di opzioni di trattamento per i pazienti con carcinoma renale in fase avanzata, questi studi si sono concentrati su pazienti con istologia a cellule chiare. Al contrario, vi è una relativa carenza di dati per il trattamento del carcinoma renale avanzato a cellule non-chiare.

Sono stati presentati i risultati dello studio SWOG 1500 che sta esaminando uno standard di cura ( Sunitinib [ Sutent ] ) rispetto agli inibitori di MET nei pazienti con carcinoma renale papillare ( pRCC ).
La segnalazione MET è un driver molecolare chiave nel carcinoma renale papillare.

Sono stati raccolti i dati di 147 pazienti ( età media, 66 anni; 76% uomini ) che presentavano carcinoma a cellule renali papillare, patologicamente verificato, performance status di Zubrod da 0 a 1 e malattia metastatica misurabile.
I pazienti potevano aver ricevuto fino a una precedente terapia sistemica, esclusa la terapia diretta contro VEGF o MET; la maggior parte dei pazienti ( 92% ) non era stato sottoposto a una precedente terapia.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 50 mg di Sunitinib al giorno in un programma di 4 settimane con, 2 settimane di pausa ( n = 46 ), 60 mg di Cabozantinib ( Cabometyx ) al giorno ( n = 44 ), 250 mg due volte al giorno di Crizotinib ( Xalkori ) ( n = 28 ) o 600 mg al giorno di Savolitinib ( n = 29 ).
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per ciascun gruppo sperimentale rispetto a Sunitinib era l'endpoint primario dello studio.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di risposta e gli eventi avversi.

Sono stati definiti criteri di arresto del reclutamento dei pazienti qualora nei gruppi sperimentali si fossero verificati 15 eventi di sopravvivenza PFS in ciascuno dei gruppi sperimentali e 20 eventi nel gruppo Sunitinib.

Sulla base di questi criteri, è stato interrotto anticipatamente per futilità l'arruolamento per i gruppi Crizotinib ( PFS mediana, 2.8 mesi ) e Savolitinib ( PFS mediana, 3 mesi ).
Il reclutamento è invece continuato fino al completamento per Sunitinib e Cabozantinib.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è risultata significativamente prolungata con Cabozantinib rispetto a Sunitinib ( 9 mesi versus 5.6 mesi; hazard ratio, HR = 0.6; IC 95%, 0.37-0.97 ).

Sono stati anche valutati i risultati in base al sottotipo istologico. Alla valutazione locale, il 18% dei pazienti presentava istologia di tipo I, il 54% aveva istologia di tipo II e il 28% dei pazienti aveva istologia mista / altra, con frequenze corrispondenti per la valutazione centrale del 30%, 45% e 25%.

Il beneficio con Cabozantinib è persistito per i pazienti con istologia di tipo I ( valutazione locale, HR = 0.26; IC 95%, 0.07-1.01; valutazione centrale, HR = 0.56; IC 95%, 0.22-1.45 ) e di tipo II ( valutazione locale, HR = 0.57 ; IC 95%, 0.3-1.06; valutazione centrale, HR = 0.62; IC 95%, 0.31-1.24 ).

Il tasso di risposta globale del 23% ( risposta completa, 5% ) con Cabozantinib è risultato significativamente più alto del tasso ORR del 4% ( risposta completa, 0% ) con Sunitinib ( P = 0.01 ), con poche risposte che si sono verificate nei gruppi Crizotinib e Savolitinib.

I risultati preliminari di sopravvivenza globale hanno mostrato una leggera tendenza al miglioramento con Cabozantinib ( mediana, 20 mesi; IC 95%, 11-non raggiunto ) rispetto al gruppo Sunitinib ( mediana, 16.4 mesi; IC 95%, 13-22 ), ma, nel complesso, non sono state riscontrate differenze significative.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 19.9 mesi ( IC 95%, 11-non-raggiunto ) con Crizotinib e 11.7 mesi ( IC 95%, 7-29 ) con Savolitinib.

Si sono verificati eventi avversi di grado 3-4 nel 68% del gruppo Sunitinib, 74% del gruppo Cabozantinib, 37% del gruppo Crizotinib e nel 39% del gruppo Savolitinib, con un evento avverso di grado 5 che si è verificato con Cabozantinib.

La percentuale di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata massima con Sunitinib ( 24% ), seguito da Cabozantinib ( 23% ), Crizotinib ( 16% ) e Savolitinib ( 10% ).

In conclusione, uno studio randomizzato di fase 2 ha mostrato che Cabozantinib ha conferito una significativa estensione della sopravvivenza libera da progressione rispetto a Sunitinib nel carcinoma papillare renale metastatico. ( Xagena )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium - GU - Virtual Meeting, 2021

Xagena_OncoUrologia_2021



Indietro