Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

Associazione del genotipo HSD3B1 con la risposta alla terapia di deprivazione androgenica per recidiva biochimica dopo radioterapia per tumore alla prostata localizzato


L’allele variante HSD3B1 (1245C) migliora la sintesi di diidrotestosterone e predice la resistenza alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) per il cancro alla prostata biochimicamente ricorrente dopo prostatectomia e per malattia metastatica.
Non è chiaro se questo sia vero dopo la radioterapia.

Si è determinato se l'allele HSD3B1 (1245C) sia in grado di predire gli esiti clinici sfavorevoli dalla terapia di deprivazione androgenica per recidiva biochimica dopo la radioterapia.

È stato utilizzato il Prostate Clinical Research Information System al Dana-Farber Cancer Institute ( Boston; Stati Uniti ) per identificare la coorte di studio, che comprendeva uomini trattati con terapia di deprivazione androgenica per recidiva biochimica dopo radioterapia primaria tra il 1996 e il 2013.
È stato identificato retrospettivamente il genotipo HSD3B1.

I principali risultati sono stati il tempo alla progressione, il tempo alle metastasi e la sopravvivenza globale in base al genotipo.
Le caratteristiche demografiche e di trattamento sono state valutate per i fattori confondenti.

Sono stati identificati 218 uomini idonei, di cui 213 ( 98% ) sono stati genotipizzati con successo. Di questi, 97 su 213 ( 46% ), 96 su 213 ( 45% ) e 20 su 213 ( 9% ) portavano 0, 1 e 2 alleli varianti.
La frequenza complessiva della variante allelica è stata di 136 su 426 alleli ( 32% ).
L'età media del paziente ( intervallo interquartile ) era di 69, 72 e 69 anni, rispettivamente, per 0, 1 e 2 alleli varianti ( P=0.03 ).
I fattori demografici e di trattamento sono risultati simili.

Durante un follow-up mediano di 7.9 anni, il tempo mediano alla progressione è stato di 2.3 anni con 0 alleli varianti, 2.3 anni con 1 allele variante, e 1.4 anni con 2 alleli varianti ( P=0.68 ).

Il tempo mediano alla metastasi è diminuito con il numero di alleli varianti ereditati: 7.4, 5.8 e 4.4 anni, con ereditarietà, rispettivamente, di 0, 1 e 2 alleli varianti ( P=0.03 ).

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata pari a 7.7, 6.9 e 7.2 anni con ereditarietà di 0, 1 e 2 alleli varianti, rispettivamente ( P=0.31 ).

All'analisi multivariata con 0 alleli varianti come riferimento, l’hazard ratio adattato per le metastasi è stato 1.19 ( P=0.48 ) per 1 allele variante e 2.01 ( P=0.045 ) per 2 alleli varianti.

L'analisi multivariata non ha dimostrato differenze significative in TTP o sopravvivenza globale.

In conclusione, in questo studio, l'allele HSD3B1 (1245C) è stato associato a uno sviluppo più rapido delle metastasi negli uomini trattati con terapia di deprivazione androgenica per recidiva biochimica dopo radioterapia primaria per cancro della prostata.
In particolare, 105 uomini su 213 ( 49% ) avevano ricevuto una precedente terapia di deprivazione androgenica e 119 su 213 ( 56% ) avevano ricevuto un antagonista del recettore degli androgeni durante il trattamento di salvataggio; entrambi i trattamenti possono attenuare l'effetto dell'allele variante. ( Xagena )

Hearn JWD et al, JAMA Oncol 2018; 4: 558-562

Xagena_OncoUrologia_2018



Indietro