Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Alta espressione di chemochine CCL2 associata a recidiva dopo intervento chirurgico nel carcinoma renale a cellule chiare


Il ligando 2 delle chemochine ( motivo C-C ) ( CCL2 ) è noto per reclutare monociti e macrofagi ai siti di infiammazione.
Studi recenti suggeriscono che CCL2 sia sovraespresso in diversi tipi di cancro e possa giocare un ruolo nella progressione tumorale.

Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l'associazione tra espressione di CCL2 e rischio di recidiva dopo intervento chirurgico nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare ( ccRCC ).

Lo studio ha incluso 268 pazienti con tumore ccRCC che sono stati sottoposti a nefrectomia in un unico Centro tra il 2001 e il 2004.
Sono state registrate le variabili clinico-patologiche e la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ).
I livelli di espressione di CCL2 sono stati valutati mediante colorazione immunoistochimica nei tessuti tumorali.

È stato analizzato l'effetto dei fattori prognostici sulla sopravvivenza libera da recidiva.

Un’alta espressione di CCL2 è risultata associata a un maggiore rischio di recidiva nei pazienti con ccRCC ( P minore di 0.001 ).

L'analisi multivariata ha confermato che l'espressione di CCL2 era un fattore prognostico indipendente per la sopravvivenza libera da recidiva ( P=0.045 ).

La precisione predittiva del punteggio prognostico Leibovich era migliore quando è stata aggiunta l'espressione di CCL2 ( 0.76 vs 0.71, P minore di 0.001 ).
In particolare, il miglioramento della previsione è stato più pronunciato nei pazienti con malattia a basso rischio.

Un’integrazione tra espressione di CCL2 e fattori patologici è stata poi realizzata, e ha previsto la sopravvivenza libera da recidiva a 5 e 10 anni per i pazienti con carcinoma renale a cellule chiare.

In conclusione, un’alta espressione delle chemochine CCL2 è un predittore indipendente di recidiva nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare.
La valutazione di CCL2 potrebbe aiutare a guidare la gestione post-chirurgica dei pazienti con questo tumore. ( Xagena )

Yang Y et al, Urologic Oncology 2016; 34: 238.e19-238.e26

Xagena_OncoUrologia_2016



Indietro