Controversies in Genitourinary Tumors
SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
ASCO Meeting

Sunitinib e Gemcitabina nei pazienti con carcinoma a cellule renali variante sarcomatoide e/o ad alto rischio metastatico


Il carcinoma a cellule renali, variante sarcomatoide, è associato a una biologia aggressiva e una prognosi infausta. 
Il carcinoma a cellule renali ad alto rischio è definito da fattori prognostici clinici e dimostra un comportamento aggressivo.

Non esiste un trattamento standard per i pazienti con carcinoma a cellule renali, variante sarcomatoide, e le opzioni di trattamento per i pazienti con malattia ad alto rischio offrono un beneficio limitato.

Uno studio ha valutato l'efficacia della terapia antiangiogenica in combinazione con la chemioterapia citotossica nel carcinoma a cellule renali clinicamente aggressivo.

È stato effettuato uno studio di fase 2, a braccio singolo, di Sunitinib ( Sutent ) e Gemcitabina nei pazienti con carcinoma a cellule renali sarcomatoide o ad alto rischio.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ). Gli endpoint secondari includevano il tempo alla progressione ( TTP ), la sopravvivenza globale ( OS ), la sicurezza, e i biomarcatori correlati.

Nel complesso, 39 pazienti presentavano carcinoma renale sarcomatoide, e 33 avevano carcinoma a cellule renali ad alto rischio.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 26% per i pazienti con carcinoma renale sarcomatoide e del 24% per i pazienti con carcinoma a cellule renali ad alto rischio. 

Il tempo mediano alla progressione e la sopravvivenza globale per i pazienti con carcinoma a cellule renali, variante sarcomatoide, sono stati, rispettivamente, pari a 5 e 10 mesi.

Per i pazienti con malattia ad alto rischio, il tempo alla progressione e la sopravvivenza globale mediani sono stati, rispettivamente, pari a 5.5 e 15 mesi.

I pazienti il cui tumore aveva una istologia sarcomatoide superiore al 10% hanno avuto un più alto tasso di beneficio clinico ( ORR più malattia stabile ) rispetto a quelli con istologia sarcomatoide del 10% o inferiore ( P=0.04 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore correlati al trattamento hanno incluso neutropenia ( n=20 ), anemia ( n=10 ) e stanchezza ( n=7 ).

In conclusione, i risultati hanno indicato che la terapia antiangiogenica e la chemioterapia citotossica sono una combinazione attiva e ben tollerata nei pazienti con carcinoma a cellule renali aggressiva.
La combinazione può essere più efficace rispetto a ciascuna terapia da sola ed è attualmente sottoposta ad ulteriori indagini. ( Xagena )

Jay R et al, Urologic Oncology 2017; 35: 117-118

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro