SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
Controversies in Genitourinary Tumors
ASCO Meeting

Studio IMvigor 210: efficacia di Atezolizumab nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato / metastatico, trattati con Platino, e con follow-up maggiore di 1 anno


La maggioranza dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato / metastatico trattati con chemioterapia va incontro a progressione della malattia, e la successiva terapia è spesso accompagnata da bassi tassi di risposta obiettiva e breve sopravvivenza globale.

Atezolizumab è stato trovato essere sicuro ed efficace nei pazienti trattati con Platino.

E’stato riportato l’aggiornamento dell'efficacia nei pazienti con più di 1 anno di follow-up ( valore mediano ).

Nella coorte di IMvigor210, 2 pazienti con carcinoma uroteliale metastatico / localmente avanzato che è progredito durante o dopo trattamento con Platino ha ricevuto Atezolizumab 1200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane ( q3w ) fino alla perdita del beneficio clinico.

Lo stato di espressione di PD-L1 è stato valutato sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore ( IC; test immunoistochimico SP142 ): IC2/3, 1, 0.

Endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST v1.1 ( revisione centralizzata ) o secondo i criteri RECIST modificati ( ricercatore ).
La durata della risposta obiettiva ( DOR ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza erano endpoint secondari ( dati al 27 novembre 2015).

310 pazienti, di età media 66 anni, erano valutabili per efficacia / sicurezza; di questi, il 37% era stato sottoposto in precedenza a cistectomia; il 41% aveva ricevuto, due o più precedenti regimi terapeutici per il carcinoma uroteliale metastatico / localmente avanzato; il 39% era stato trattato con chemioterapia nei precedenti 3 mesi.

Le risposte sono risultate in linea nei pazienti IC2/3 ( ORR=26% secondo RECIST; ORR=29% secondo mRECIST ), così come in tutti i sottogruppi IC; è stato riscontrato un aumentate risposte nei pazienti con più alto stato di IC.

Le risposte RECIST sono state osservate nei pazienti con ECOG Performance Status 1 ( ECOG PS1 ) ( ORR=8%; 16/193 ), clearance della creatinina inferiore a 60 ml/min ( ORR=13%; 14/110 ), emoglobina inferiore a 10 g/dL ( ORR=7%; 5/69 ), metastasi viscerali ( ORR=10%; 24/243 ) e 4 o più precedenti regimi ( ORR=8%; 2/24 ).

Le risposte erano in corso nell’80% ( 37/46 ) dei pazienti secondo RECIST e nel 77% ( 46/60 ) secondo mRECIST.

La durata mediana della risposta obiettiva non è stata raggiunta in IC2/3, IC1/2/3 e in tutti i partecipanti.

Con periodi più lunghi di follow-up ( mediana 14.4 mesi [ 0.2-17.1] ) è stata osservata un'evoluzione delle risposte, tra cui ulteriori risposte complete.

La sopravvivenza mediana globale e la sopravvivenza globale a 1 anno erano notevoli in tutti i sottogruppi IC.

Atezolizumab è rimasto ben tollerato.

In conclusione, Atezolizumab è una monoterapia efficace nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico / localmente avanzato pesantemente pretrattati.
Risposte durevoli si sono verificate in tutti i sottogruppi IC predefiniti, tra cui pazienti con fattori prognostici meno favorevoli.
E’stata osservata sopravvivenza globale clinicamente significativa.
Atezolizumab, grazie alla sua efficacia sostenuta e al favorevole profilo di sicurezza, rappresenta un promettente nuovo standard di cura per i pazienti con carcinoma uroteliale metastatico / localmente avanzato, trattati con Platino. ( Xagena )

Dreicer R et al, J Clin Oncol 34, 2016 ( suppl; abstr 4515 )

Xagena_UrologiaOncologica_2016



Indietro