ASCO Meeting
SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
Advances in Genitourinary Tumors

Studio di fase I/II CheckMate 032: efficacia e sicurezza della monoterapia con Nivolumab nel tumore uroteliale metastatico


La minima attività antitumorale delle terapie esistenti e l'osservazione di una disfunzione immunitaria nei tumori della vescica sono i presupposti che hanno spinto verso una valutazione della immunoterapia in questa neoplasia.

Nivolumab ( un anticorpo IgG4 completamente umano inibitore del checkpoint immunitario PD-1; Opdivo ) in monoterapia ha dimostrato un beneficio nella sopravvivenza dei pazienti con melanoma, tumore del polmone e carcinoma a cellule renali.

E’stata riportata l’efficacia e la sicurezza della monoterapia con Nivolumab nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico dopo uno prima linea di terapia a base di Platino in uno studio in aperto, multicentrico, di fase I/II.

I pazienti ( non-selezionati in base allo stato di espressione di PD-L1 ) con carcinoma uroteliale metastatico hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane fino a progressione della malattia o sospensione della terapia.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR; RECIST 1.1 ).
Altri endpoint comprendevano la sicurezza, la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Dei 78 pazienti trattati ( età media 65.5 anni; range: 31-85 ), il 65.4% aveva ricevuto due o più terapie precedenti.

A un follow-up mediano di 213 giorni ( range: 22-499 ), il 33.3% dei pazienti è rimasto in terapia.

Il motivo principale per la sospensione del trattamento è stata la progressione della malattia.

Il numero mediano di dosi era 8.5 ( range, 1-34 ); il 70.5% ha ricevuto più di 4 dosi.

Il tasso di risposta obiettiva ( confermato ) è stato del 24.4%; la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.8 mesi; non è stato possibile stimare la sopravvivenza mediana globale; il tempo mediano alla risposta è stato di 1.5 mesi, mentre la durata mediana della risposta non era stimabile.

Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 si sono verificati nel 20.5% dei pazienti; i più frequenti sono stati: aumento delle lipasi e aumento delle amilasi ( 3.8% ciascuno ), stanchezza, diminuzione dei neutrofili, e dispnea ( 2.6% ciascuno ).
Reazioni avverse di grado 5 si sono verificate nel 2.6% dei pazienti ( polmonite [ n=1 ] e trombocitopenia [ TTP; n=1] ).
Non sono stati riportati casi di polmonite o di trombocitopenia di grado 3 o 4.

In conclusione, Nivolumab in monoterapia ha dimostrato una promettente efficacia e una accettabile sicurezza nei pazienti precedentemente trattati, non-selezionati, con carcinoma uroteliale metastatico.
I dati della sopravvivenza globale sono incoraggianti. ( Xagena2016 )

Sharma P et al, J Clin Oncol 34, 2016 ( suppl; abstr 4501 )

Xagena_UrologiaOncologica_2016



Indietro