Controversies in Genitourinary Tumors
SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
ASCO Meeting

Sopravvivenza globale a lungo termine con Nivolumab nei pazienti precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali avanzato


Nivolumab ( Opdivo ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1 ( morte programmata-1 ), è stato recentemente approvato dalla FDA ( Food and Drug Administration ) per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato ( aRCC ) a cellule chiare precedentemente trattato con terapia anti-angiogenica sulla base dei risultati dello studio di fase III CheckMate 025, che ha mostrato una sopravvivenza mediana globale significativamente più lunga per Nivolumab rispetto ad Everolimus ( 25.0 vs 19.6 mesi; P=0.002 ), con un follow-up minimo di 14 mesi.

A causa del beneficio di sopravvivenza precocemente osservato nello studio di fase III, vi è un maggiore interesse per il potenziale di Nivolumab nel migliorare la sopravvivenza globale a lungo termine.

Sono stati riportati i risultati a lungo termine della sopravvivenza globale da studi di fase I e II di Nivolumab.

I pazienti con ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) performance status minore o uguale a 2 e trattamento sistemico precedente con 1-5 regimi hanno ricevuto Nivolumab ( 1 o 10 mg/kg ) ogni 2 settimane in uno studio di fase I in aperto.
I pazienti con performance status di Karnofsky maggiore o uguale al 70% e un precedente trattamento con 1-3 regimi in ambito metastatico hanno ricevuto Nivolumab ( 0.3, 2, o 10 mg/kg ) ogni 3 settimane in uno studio randomizzato di fase II.

Nello studio di fase I, sono stati trattati 34 pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato.
A un follow-up minimo di 50.5 mesi, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 29% e la durata mediana della risposta è stata di 12.9 mesi.
I tassi di sopravvivenza globale a 3 e 5 anni sono stati rispettivamente pari a 41% e 34%.

Nello studio di fase II, sono stati trattati 167 pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata.
A un follow-up minimo di 38 mesi, il tasso di risposta obiettiva è stato del 21% e la durata mediana della risposta è stata di 22 mesi.
Il tasso di sopravvivenza globale a 3 anni è stato del 35%.

In conclusione, con circa un terzo dei pazienti trattati con Nivolumab vivi a 5 anni nello studio di fase I e a 3 anni nello studio di fase II, questo è il più lungo follow-up riportato, aggiornato, con qualsiasi farmaco anti-PD-1 / PD-L1 nel carcinoma a cellule renali avanzato.
Sono allo studio potenziali predittori di sopravvivenza a lungo termine con Nivolumab in questa popolazione trattata in precedenza. ( Xagena2016 )

McDermott DF et al, J Clin Oncol 2016; 34: ( suppl; abstr 4507 )

Xagena_OncoUrologia_2016



Indietro