Controversies in Genitourinary Tumors
SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
ASCO Meeting
Cardiologia.net

Pazienti con carcinoma uroteliale metastatico, trattato con Platino, e recidivato: Vinflunina nella vita reale


La Vinflunina è l'unico agente chemioterapico che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza nei pazienti refrattari al Platino nel carcinoma a cellule transizionali dell'urotelio, metastatico, in uno studio clinico di fase III, che ha portato alla registrazione di Javlor per questa indicazione nell'Unione Europea.

Uno studio multicentrico, retrospettivo, ha valutato l'efficacia di Vinflunina e ha valutato la significatività prognostica dei fattori di rischio in una grande coorte non-selezionata di pazienti con carcinoma a cellule transizionali dell'urotelio, in forma metastatica, trattati secondo la pratica clinica di routine.

I Centri oncologici sono stati selezionati nel periodo febbraio 2011 e giugno 2014 sulla base dei pazienti trattati con Vinflunina ( almeno 4 ) dopo la chemioterapia a base di Platino in prima o seconda linea.

L'obiettivo primario era quello di verificare se l'efficacia misurata dalla sopravvivenza globale ( OS ) nello studio di registrazione venisse confermata nella pratica clinica di routine.

In 28 Centri italiani sono stati trattati 217 pazienti. L'età media era di 69 anni e l'84% era di sesso maschile; il performance status ECOG era maggiore o uguale a 1 nel 53% dei pazienti.
Il numero medio di cicli è stato di 4; Il 29%, il 35% e il 36% avevano ricevuto, rispettivamente, una dose iniziale di 320 mg/m2, 280 mg/m2 o una dose inferiore di farmaco.

La sopravvivenza mediana senza progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale per l'intera popolazione è stata, rispettivamente, di 3.2 mesi e di 8.1 mesi.

Una risposta completa è stata osservata in 6 pazienti, risposta parziale in 21, malattia stabile in 60, malattia progressiva in 108, con un tasso di controllo della malattia del 40%.

L'analisi multivariata ha dimostrato che il performance status ECOG, il numero di siti metastatici e il coinvolgimento epatico erano fattori prognostici sfavorevoli per la sopravvivenza globale.

La tossicità è risultata lieve e gli effetti negativi di grado 3-4 sono stati principalmente: neutropenia ( 9% ), anemia ( 6% ), astenia / stanchezza ( 7% ) e costipazione ( 5% ).

In conclusione, nella pratica clinica di routine, i risultati ottenuti con Vinflunina sembrano essere migliori dei risultati degli studi registrativi e rafforzano l'evidenza a sostegno del suo uso dopo il fallimento di una chemioterapia a base di Platino. ( Xagena )

Passalacqua R et al, Cancer BMC 2017; 17: 493. doi: 10.1186 / s12885-017-3466-3

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro