Controversies in Genitourinary Tumors
SIUrO  Società Italiana di Urologia Oncologica
ASCO Meeting
Mediexplorer

Axitinib versus Sorafenib in prima linea nel carcinoma renale metastatico


In uno studio randomizzato di fase III in pazienti naive con carcinoma a cellule renali metastatico, Axitinib ( Inlyta ) vs Sorafenib ( Nexavar ) ha portato a una sopravvivenza libera da progressione numericamente più lunga ( mediana, 10.1 vs 6.5 mesi; hazard ratio, HR=0.77; 1-sided P=0.038 ) e a una percentuale di risposta obiettiva significativamente più alta ( 32% vs 15%; 1-sided P=0.0006 ).

Sono stati riportati i risultati di sopravvivenza globale e di sicurezza aggiornati.

I pazienti precedentemente non-trattati con carcinoma metastatico RCC ( n=288 ), stratificati secondo il performance status Cooperative Oncology Group ( ECOG PS; 0 vs 1 ), sono stati randomizzati a ricevere Axitinib 5 mg due volte al giorno ( n=192 ) oppure Sorafenib 400 mg due volte al giorno ( n=96 ).

La sopravvivenza generale mediana è stata di 21.7 mesi con Axitinib rispetto a 23.3 mesi con Sorafenib ( hazard ratio stratificato, HR=0.995; 1-sided P=0.4883 ).

Tra i pazienti con ECOG PS di 0, la sopravvivenza globale mediana è stata numericamente più lunga con Axitinib che con Sorafenib ( 41.2 vs 31.9 mesi, HR=0.811; 1-sided P=0.1748 ), mentre tra i pazienti con ECOG PS 1, la sopravvivenza globale mediana è stata più breve con Axitinib che con Sorafenib ( 14.2 vs 19.8 mesi, HR=1.203; 1-sided P=0.7973 ).

L'incidenza e la gravità degli eventi avversi più comuni sono state coerenti con le precedenti relazioni.

In conclusione, la sopravvivenza globale è risultata simile tra Axitinib e Sorafenib nei pazienti naive al trattamento con carcinoma a cellule renali metastatico, e non sono emersi nuovi segnali di sicurezza. ( Xagena )

Hutson TE et al, Clin Genitour Cancer 2017; 15: 72-76

Xagena_OncoUrologia_2017



Indietro